Laboratorio
La sperimentazione insegue affannosamente l'idea
Come nasce un'opera REFUSE?
In tanti modi. Da una chiacchierata, da una richiesta fatta nei bar fornitori di bottiglie, da un confronto con Claudia, l'altra metà artistica; più spesso, giocando con il gesso in laboratorio oppure ispirandomi a qualsiasi forma interessante mi capiti tra le mani, a volte in funzione delle bottiglie da fondere.
Indipendentemente dal modo, l'idea nasce principalmente dal desiderio di creare un'opera che abbia una sua armonia e una sua finalità.
A volte, la destinazione dell'opera ad un impiego avviene successivamente quando l'opera è stata realizzata e rivela la sua anima.

La creazione dello stampo
Individuato l'oggetto da realizzare, creo uno stampo ad hoc con il gesso.
Lavorando questa materia, la forma pensata originariamente può subire delle modifiche dettate sia da ragioni tecniche che dall'ispirazione del momento.
In alcuni casi sono la forma e la dimensione delle bottiglie scelte a determinare la forma dello stampo che utilizzerò.
Per dare alle bottiglie forme particolari, invece del gesso, uso una polvere distaccante su cui adagio le bottiglie.

La scelta delle bottiglie
Una volta creato lo stampo, individuo le bottiglie più adatte alla fusione facendo attenzione al colore del vetro, alla forma e alle dimensioni; il numero delle bottiglie è funzionale alle dimensioni dell'opera che si vuole ottenere.
Il lavaggio delle bottiglie
Immergo le bottiglie scelte nell'acqua calda per togliere le etichette e le sottopongo a un controllo visivo per verificare l'assenza di lesioni o imperfezioni che possano pregiudicare la riuscita del processo. Durante la fase del lavaggio, manipolando le bottiglie o semplicemente guardandole asciugare possono emergere altri stimoli capaci di influenzare il mio processo creativo.

La composizione nel forno
Inforno lo stampo e vi posiziono sopra le bottiglie con angolazioni idonee ad ottenere le forme volute. Non essendo bloccate fra loro, è possibile che le bottiglie si muovano rendendo l'opera inutilizzabile o, nella migliore delle ipotesi, dando vita alla sua unicità.

La fusione
In base all'oggetto che voglio ottenere scelgo un ciclo (diagramma) di fusione caratterizzato che combina tempi e temperature. Dall'avvio del processo di fusione al suo termine passano circa 24 ore, il tempo dell'attesa e dell'irrequietezza dovuta al fatto che non è possibile vedere cosa avviene dentro il forno.

La rifinitura della creazione
Ultimata la fusione, tiro fuori l'opera dal forno, la separo dallo stampo, la lavo ed eseguo un controllo alla ricerca di possibili lesioni o asperità da rimuovere manualmente.
Questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.